Zaino in spalla
Come prepararsi per un’escursione

News e curiosità 12 set 2019

Prima di tutto, la scelta della meta: a seconda delle proprie capacità sarà il caso di scegliere una destinazione adeguata, che varia seguendo l’età e l’esperienza; se la meta è la montagna, ci sono vari tipi di sentiero tra cui sarà bene scegliere quello più adatto alla situazione.
Una volta trovato il posto giusto per trascorrere la propria giornata di libertà all’aria aperta, arriva il momento di scegliere l’attrezzatura giusta: sarà bene sceglierla sia a seconda della destinazione, sia a seconda della durata della gita.
Prima di tutto, l’abbigliamento: è bene essere preparati al sole caldo della montagna, ma anche a coprirsi da vento e pioggia improvvisi. Quanto alle scarpe, devono essere adatte al tipo di percorso che si affronterà: di solito si preferiscono scarponi alti, e sicuramente con una buona suola che aiuti a non scivolare.
Una volta preparato l’abbigliamento più adatto, passiamo al seguito: borse e zaini sono l’attrezzatura base per le passeggiate in montagna – ma anche in qualunque altro posto: comodi da portare, consentono di trasportare senza stancarsi troppo dei buoni carichi. Una volta trovato lo zaino, bisogna riempirlo con il necessario perché durante la giornata non manchi nulla.
Per prima, una scorta d’acqua: abbastanza da non ritrovarsi assetati in mezzo ad un bosco, ma non troppa per non appesantirsi inutilmente; inoltre, qualcosa da mangiare se non si è diretti in un rifugio, ma in ogni caso è bene portare degli alimenti energetici. Poi una bussola e una cartina geografica per l’orientamento, un coltellino svizzero e una torcia, occhiali da sole e creme protettive, un cappello da sole e, sperando di non averne bisogno, il necessario per il pronto soccorso un fischietto, da utilizzare per richiamare l’attenzione in caso di necessità.
Gli zaini si sono evoluti enormemente, negli ultimi anni: senza contare il fatto che si possono trovare tutti i tipi di zaini online, soddisfano in maniera sempre più completa le esigenze di chi li porta, pensando a distribuire il peso non più sulle spalle, che, pur essendo più forti delle mani, dopo un po’ la camminata diventa faticosa: normalmente gli zaini moderni scaricano il loro peso sui fianchi, molto più forti delle spalle, e anche più vicini al baricentro. In questo modo migliora la resistenza e anche il bilanciamento, favorendo quindi anche l’agilità nella camminata.
Inoltre, consultando un buon catalogo, si potrà vedere come gli accessori per gli zaini siano diversi a seconda dell’utilizzo a cui sono destinati: per gli amanti della montagna ci sono i cosiddetti “camel bag”, ovvero degli zaini con piccoli serbatoi integrati dai quali spunta un tubicino che permette di bere senza doversi fermare, cosa particolarmente utili per trekking e alpinismo, dove a volte fermarsi può essere complicato. Ma ricordiamoci che gli zaini possono essere utili non solo per la montagna, ma anche per altri scopi: ad esempio, per trasportare in maniera comoda e sicura computer portatili o attrezzatura fotografica. In questi casi, lo zaino dovrà avere le dovute imbottiture e scompartimenti per riporre ordinatamente i vari componenti, e per dare la sicurezza che questi siano protetti dagli urti e assicurati in modo da non muoversi.



Informazioni sull'Autore


A cura di Lia Contesso


Prima Posizione srl - strategia di marketing


Fonte: Article-Marketing.it

Hai bisogno di aiuto?
Chiamaci adesso al
+39 0862 19 61736

CLICCA PER CHIAMARE
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@lochaletdellago.it